La storia


La storia

La Barchessa Villa Belvedere è un luogo magico e la storia parte, in un certo senso, da lontano: Andrea Palladio è stato un architetto del XVI secolo noto in tutto il mondo per il suo contributo alla storia dell’architettura occidentale, dovuto in gran parte alla progettazione di numerose ville; il suo stile, così influente da portare alla creazione del palladianesimo, incise molto sulla valorizzazione delle cosiddette “barchesse”, edifici rurali che da aree adibite ai servizi furono trasformate in parte integrante delle case padronali. Tra il fiume Sile e le verdi campagne venete, risplende oggi una struttura dall’architettura tipica di quel tempo che, a partire dal nome per arrivare allo stile, lega la sua attività al rispetto della più radicata tradizione: La Barchessa, appunto!
Un’oasi di gusto, divertimento e natura che allieta da anni il popolo trevigiano: un ambiente elegante che permette di mangiare divinamente in una delle 3 sale del ristorante, celebrare degnamente cerimonie o feste private nell’ampio parco esterno con pompeiana e scatenarsi a ritmo di musica grazie alla storica discoteca, famosa sin dagli anni ’80. Intere generazioni hanno trascorso da noi serate indimenticabili e la magia non si è mai spezzata, anzi! La Barchessa Villa Belvedere è vitale più che mai e sempre al passo con i tempi, mantenendo contestualmente la filosofia che l’ha resa famosa a Treviso e non solo: accoglienza calorosa, divertimento genuino e atmosfera familiare.